Tremate

Tremate

© foto di Daniele Buffa/Image Sport
 di Fabrizio Romano articolo letto 2209 volte

Può bastare poco ad una squadra per convincere tutti della sua forza. Alle volte può essere indicativa anche una banale amichevole, come quella disputata nella notte tra l'Argentina di Batista e una modestissima Albania del c.t. Kuze, che ha addirittura faticato a portare con sè 18 giocatori per rispettare l'impegno. Prevedibile e scontato 4-0, la Selecciòn di un pianeta e l'Albania di un altro, ma che squadra quella del Checho Batista: potenziale offensivo mostruoso, gioco barcelloneggiante e un Lionel Messi che sembrava giocasse nel giardino di casa.

Un parco attaccanti che vanta nomi pari a quelli di Sergio Aguero, Angel Di Marìa, Carlos Tevez, Ezequiel Lavezzi e Diego Milito dietro alla suprema Pulga fa davvero spavento, così come l'ottimo centrocampo studiato dal commissario tecnico con un Banega in rampa di lancio, la solidità di Mascherano e la dinamicità di Biglia, aspettando tra l'altro un certo Cambiasso. Fin qui tutto rose e fiori, garanzie offrono anche i terzini Javier Zanetti e Zabaleta (più di Rojo), andrà soltanto registrata la difesa composta dalla coppia Milito-Burdisso per far star sicuro l'onesto Romero tra i pali e plasmare una Selecciòn che già fa tremare la Coppa America.

L'Argentina giocherà in casa, mostra una fiducia debordante e una qualità eccelsa, in più il signor Messi sembra avere intenzione di non nascondersi più ma di consacrarsi definitivamente anche con l'Albiceleste. Chi riuscirà a fermarli? Ci proverà il Brasile, e la sfida sarà interessante. Ma per adesso, tutti gli altri, inizino a tremare...