Uruguay-Cile, le pagelle della <i>Roja</i>

Uruguay-Cile, le pagelle della Roja

© foto di Nicolo' Zangirolami/Image Sport
 di Fabrizio Romano articolo letto 3464 volte

BRAVO 6 - Stavolta niente figuracce, sul gol non può praticamente nulla. Ma non dà sicurezze alla difesa e raramente esce con convinzione.

CONTRERAS 6 - Solido e arcigno, fa il suo nella difesa preparata da Borghi.

PONCE 6 - Regge finché non si infiamma Suarez, ma è il più affidabile della retroguardia cilena.

JARA 5.5  - In tilt quando l'Uruguay spinge e spesso sorpreso dalla sua parte. Borghi indovina la mossa quando al 60' lo toglie e piazza lì Vidal.

ISLA 6.5 - Sfiora il gollonzo per un rinvio che gli finisce addosso, ma lotta e si inserisce con tempismo ottimo. E nel finale una sua cannonata chiama alla respinta l'attento Muslera.

MEDEL 6 - In un Cile che dal centrocampo in su ha più velluto che legna, lui va in giro con l'ascia a prendere palloni e rifilare calci. Prezioso.

VIDAL 6.5 - Nel primo tempo tende a incaponirsi con conclusioni da fuori quasi di portata rugbystica, ma la sua fisicità è troppo importante per il variopinto centrocampo cileno ed è tra i pochi a prendere l'iniziativa. Nella ripresa Borghi lo piazza dietro al posto di Jara, lui da buon soldatino non sfigura assolutamente, tanto da non soffrire gli avanti della Celeste. Duttilità e forza fisica, due elementi fondamentali di un gran bel giocatore.

JIMENEZ 4.5 - Il Cile è un orchestra quasi perfetta, lui è un solista clamorosamente stonato, almeno stasera. Prima controlla male un pallone più che invitante e solo di tacco impegna Muslera, poi si divora un gol ancor più clamoroso quando a porta semivuota colpisce debolmente di testa perché sterza troppo tardi. Mai nel vivo del gioco, quando entra Valdivia è un'altra musica. E che musica.

BEAUSEJOUR 6.5 - Particolarmente vivace nel primo tempo, non si fa vedere troppo ma è una zanzara pericolosa all'occorrenza. E nella ripresa cresce in maniera esponenziale fino a servire su un piatto d'argento l'assist che Sanchez tramuta in gol con un tocco perfetto.

SANCHEZ 7.5 - Riacchiappa la partita con un gol quasi da calcetto, punta in controtempo e la premiata ditta Coates-Muslera viene beffata. Si illumina nella ripresa sfornato un paio di assist strepitosi e svariando su tutto il fronte d'attacco, e fa dimenticare i banali primi 45 minuti. E Pozzo ride.

HUMBERTO SUAZO 5.5 - Si adatta a fare la boa nel primo tempo ma non è il suo mestiere e si vede, spreca tanto ed è troppo spesso impreciso. Leggermente meglio nella ripresa, specialmente all'inizio quando fulmina Caceres servendo un assist d'oro a Jimenez che sbaglia da pochi passi.

---

VALDIVIA 7.5 - Semplicemente straordinario. Entra al 60' e si prende il Cile, aperture formidabili tra cui quella che vale il pareggio - un lancio che Beausejour raccoglie per poi confezionare il passaggio a Sanchez - e tantissima qualità in fase di possesso palla, quella che era mancata fino a quel momento con il solo Jimenez peraltro più spento che mai. Come se non bastasse, si procura una valanga di punizioni dal limite addomesticando il pallone con soffici tocchi. Una delizia per gli occhi, è mancato solo il gol.

CARMONA S.V. - Tanta legna, mai in primo piano.

PAREDES 6 - Combatte e si impegna, va vicino al gol su punizione e si propone spesso sulla sinistra.

 

 



CILE (3-5-2): Bravo; Contreras, Ponce, Jara; Isla, Medel, Vidal, Beausejour, Jimenez ; Sanchez, Suazo.
All: Borghi